Pacchetto per gruppi precostituiti

Richiedi un preventivo
in agenzia o nel modulo di contatto

 La quota comprende:

  • Tour con guida turistica certificata
  • Pernottamenti e prima colazione
  • Pranzi e/o cena come da programma
  • Bus gran turismo
  • Assicurazione RCT

 La quota non comprende:

  • Mance, extra personali e tutto quanto non espressamente indicato alla voce “la quota comprende”.
  • Documenti necessari: adulti e minori carta d’identità.
da-tirano-a-st-mortiz-trenino-rosso

Un viaggio “in discesa” alla scoperta delle dimore storiche della Lombardia, costeggiando i principali fiumi, Adda, Serio, Ticino, Po e Mincio, da nord a sud. Paesaggi che cambiano ma che si riflettono sullo sfondo dell’acqua e sono accomunati da secoli di storia delle famiglie nobiliari, da un capo all’altro della regione.

Primo giorno: Sondrio

  • Visita di Tirano, cittadina nel cuore delle Alpi, ricca di storia grazie alla posizione strategica e al ruolo di crocevia commerciale e religioso.
  • Visita di Palazzo Salis, dimora cinquecentesca dei Conti Sertoli Salis che presenta un percorso museale interno e bei giardini all’italiana.
  • Gita con il Trenino Rosso del Bernina, Patrimonio Unesco che collega Tirano a St. Moritz.

 Secondo giorno: Lago di Lecco

  • Arrivo a Varenna, sistemazione in hotel e passeggiata panoramica per il piccolo borgo storico, nato come villaggio di pescatori e ora scrigno di gioielli artistici in riva al Lago.
  • Visita dell’imponente Giardino Botanico di Villa Monastero.
  • Esperienza in traghetto fino a Bellagio, passeggiata per la famosissima cittadina riflessa tra acque e montagne e pranzo in riva al lago.
  • Nel pomeriggio visita dei meravigliosi giardini all’inglese di Villa Melzi d’Eril, luogo di ispirazione per scrittori, artisti e poeti per l’equilibrio botanico.

 Terzo giorno: Brianza

  • Arrivo a Robbiate e visita di Palazzo Bassi Brugnatelli, dimora del XVII secolo dalla duplice anima neoclassica e barocca, composta dal palazzo residenziale con la sua cappella privata e il grande parco.
  • Passeggiata lungo il fiume Adda e pranzo open air nei pressi del Traghetto Leonardesco. Il genio fiorentino studiò infatti il corso del fiume al servizio di Ludovico il Moro e disegnò il traghetto – identico a quello attuale – in occasione del suo soggiorno a Vaprio d’Adda presso il conte Girolamo Melzi tra il 1506 e il 1507.
  • Passaggio in terra bergamasca. Visita al Castello di Lurano, proprietà della famiglia Secco Suardo e sede di un’importante biblioteca e del centro studi con la banca dati dell’Archivio Storico Nazionale dei Restauratori Italiani.
  • Trasferimento a Crema, cena e passeggio serale nel vivace centro storico della cittadina lambita dal fiume Serio, anticamente dominio di Milano e dal XV secolo della Serenissima, come importante avamposto alla frontiera ovest.

 Quarto giorno: Crema e campagna pavese

  • Visita alla cattedrale e alla rinascimentale piazza Duomo.
  • Visita guidata al Palazzo Zurla De Poli, scrigno del rinascimento lombardo con il salone d’onore e le sale del piano nobile affrescate dai principali maestri del territorio tra cui Aurelio Buso e Giovan Battista Castello detto il Bergamasco. Pranzo in corte.
  • Visita al Palazzo Terni De Gregorj, magnifico esempio del potere della nuova aristocrazia locale al tempo del dominio di Venezia, eretto a partire dal 1698 e curiosamente incompiuto rispetto al progetto originario, presenta un’elegante cortina muraria sormontata da statue.
  • Trasferimento nella campagna pavese, sulle rive del Po.
  • Visita al Castello di Chignolo Po, la «Versailles della Lombardia» a guardia della via Francigena. Ha una storia millenaria: dalla torre longobarda, al teatro delle Uccellerie, dalla corte delle arti e dei mestieri, all’armeria medievale e al salone in stile Impero.

 Quinto giorno: Campagna pavese

  • Visita alla meravigliosa Certosa di Pavia, il monumentale accostamento di stili, marmi, pitture e decorazioni che Gian Galeazzo Visconti fece innalzare a Pavia nel 1396, chiamando i più noti architetti e artisti dell’epoca.
  • Pranzo nella cornice agreste della settecentesca Villa Botta Adorno. Trasferimento nell’Oltrepo pavese.
  • Visita e degustazione di vini nella Tenuta Rocca De Giorgi, fondata dal Conte Augusto Giorgi di Vistarino, che ebbe l’intuizione di importare dalla Francia il nobile vitigno del Pinot Nero nella sua tenuta.
  • Trasferimento a Cremona

 Sesto giorno: Cremona

  • Una passeggiata storica nel centro città, tra Piazza Duomo, il Campanile «Torrazzo», la più alta torre campanaria medievale in laterizio d’Europa, le botteghe degli artigiani liutai e dei maestri pasticcieri del famoso «torrone».
  • Visita al Museo del Violino e della bella Pinacoteca del Museo Ala Panzone nelle sale del cinquecentesco Palazzo Affaitati.
  • Spostamento a Persico Dosimo per la visita di Villa Calciati Crotti, la «casa di caccia settecentesca» immersa nelle luci soffuse della campagna cremonese della nobile famiglia Gerenzani, realizzata nel 1680 su progetto dell’Architetto cremonese Natali.

 Settimo giorno: Mantova

  • Alla scoperta della città dei Gonzaga bagnata dal Mincio, dall’architettura rinascimentale degli edifici come il Palazzo Ducale e Palazzo Te.
  • Visita al Palazzo Ducale, edificio imponente che ospita la celebre «Camera degli Sposi», decorata dagli affreschi di Andrea Mantegna.
  • Visita di Palazzo Te, noto per la «Sala dei Giganti», in cui ogni tratto di superficie è ricoperto da dipinti con scene mitologiche.

Contattaci

Invia la tua richiesta all'Agenzia di Viaggi Destinazione Sole

    OBBLIGATORIO - Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo quanto espresso nella privacy policy. La compilazione del presente modulo ci consente di ricontattarti ai soli fini di prendere in carico la tua richiesta di informazioni. Leggi la Privacy Policy